Ingorgo mammario: rimedi e sintomi

L’ingorgo mammario è uno dei problemi con cui la mamma può confrontarsi durante l’allattamento. Nei primi periodi di allattamento al seno, infatti, può essere abbastanza difficile per la mamma capire i bisogni del neonato.
mastite

La produzione del latte non è ancora calibrata del tutto e, spesso, la mamma non attacca al seno il bambino ogni volta che il neonato manifesta segnali di fame. All’inizio non è facile capire i bisogni del bambino e, spesso, quando il seno non viene svuotato del tutto può verificarsi l’ingorgo mammario. In questi casi il latte ristagna nei dotti dando avvio al disturbo. Ma come capire se si è in presenza di un ingorgo mammario? Scopriamo insieme i sintomi ed i “campanelli d’allarme”.

Ingorgo mammario: sintomi

In presenza di un ingorgo mammario, il seno appare duro, inizia a gonfiarsi, la mamma prova dolore ed il bambino fa fatica ad attaccarsi oppure non vuole proprio attaccarsi al seno perchè il flusso di latte è rallentato. Il seno è gonfio, talvolta è lucido, può essere arrossato: la mamma può avvertire una sensazione di malessere e, in alcuni casi, può subentrare la febbre. I sintomi dell’ingorgo mammario possono scomparire da soli se la mamma continua ad allattare il bambino al seno o, comunque, se continua a svuotarlo.

Ingorgo mammario: cosa fare, rimedi

Uno dei rimedi principali per risolvere l’ingorgo mammario consiste nello svuotare la mammella. E’ necessario che la mamma continui ad allattare il neonato alternando i due seni. In questo modo il seno si svuoterà in maniera regolare. Continuate ad attaccare il bambino al seno anche se la mammella è gonfia, anche se vi fa male. Non attaccando il bambino al seno e, quindi, non svuotando la mammella, potreste incorrere nella mastite. Se la mammella è molto dolorante o se il neonato fa fatica ad attaccarsi, può essere utile usare un tiralatte e poi darlo al neonato con un biberon.
raccogliere-conservare-latte-materno3
Per favorire la discesa del latte, inoltre, potete fare una serie di impacchi caldi prima della poppata. Potete bagnare un asciugamano o un panno con acqua calda e lasciarlo sul seno.
images
Durante l’impacco, vi consigliamo di massaggiare il seno con movimenti circolari: questo massaggio favorisce la fuoriuscita del latte e consente ai tessuti di rilassarsi.

Ingorgo mammario: cause

Sicuramente una delle principali cause dell’ingorgo mammario è un allattamento non avviato bene. Il bambino, magari, si attacca male al seno e questo impedisce il corretto svuotamento della mammella. Ma l’ingorgo mammario può essere causato anche da un reggiseno troppo stretto oppure un mancato allattamento a richiesta. In quest’ultimo caso, se la mamma non attacca spesso al seno il neonato, allungherà i tempi tra una poppata ed un’altra e il latte ristagnerà molto più tempo nel seno.
Ancora: una delle cause dell’ingorgo mammario può essere la riduzione delle poppate. La mamma, ad esempio, sta avviando lo svezzamento, il bambino non si sveglia più la notte e non mangia spesso come un tempo. In questo caso il seno continua a produrre latte che ristagna nei dotti provocando l’ingorgo.
L’ingorgo mammario può verificarsi anche quando la mamma attacca il bambino sempre allo stesso seno.

Ingorgo mammario: rimedi naturali

Uno dei rimedi naturali per risolvere l’ingorgo mammario è costituito dall’applicazione, per circa 20 minuti, di alcune foglie di verza. Le foglie dovranno essere schiacciate con un matterello.
ingorgo-mammarioPotete ripetere il trattamento per 2 o 3 volte al giorno.

Ingorgo mammario: rimedi e sintomi was last modified: agosto 29th, 2015 by Enrica De Tata
Posted by Enrica De Tata