Allattamento a richiesta o a orario: vantaggi e svantaggi

Quando la mamma comincia ad allattare al seno il suo bambino si pone una domanda fondamentale: è meglio l’allattamento a richiesta o a orario? Esistono, del resto, due diverse scuole di pensiero. La prima – che promuove l’allattamento a orario – incentiva la mamma a definire orari rigidi da rispettare. La seconda – che sostiene l’allattamento a richiesta – incentiva la mamma ad attaccare il bambino al seno ogni volta che il neonato piange. Ma qual è il giusto approccio?
come attaccare il neonato al seno

Allattamento a orario o a richiesta: qual è la scelta migliore?

E’ innegabile che allattare il neonato a orario consente alla mamma di avere un po’ più di tempo “libero”. Spesso le neo mamme lamentano proprio il fatto di non riuscire ad avere regole,  di avere tutto il giorno il neonato sempre attaccato al seno. E in questi casi sorgono dubbi che possono essere davvero deleteri per la buona riuscita dell’allattamento: il neonato piange sempre, vuole stare sempre attaccato al seno, avrò abbastanza latte?

Mamme che ci leggete: state tranquille e allattare il bambino a richiesta, ogni volta che il neonato mostra segnali di fame o di irrequietezza. Attaccando il neonato al seno a richiesta, inoltre, il vostro corpo produrrà più latte. Il seno produce latte grazie alla suzione del bambino. Ogni volta che il neonato si attacca al seno, il corpo della mamma subisce un input fondamentale per la sopravvivenza del genere umano: il bambino succhia, quindi serve più latte!

Allattamento a orario: sì o no

Per esperienza personale conoscono molte mamme che hanno deciso di imporre degli orari per l’allattamento. “Il mio bambino mangia ogni tre ore ed è stupendo!”. Quelle stesse mamme – che prima mi avevano parlato dell’allattamento a orario come un qualcosa di meraviglioso e perfetto – hanno poi lamentato di aver assistito ad una diminuzione del latte. Attaccare il neonato al seno ad orario, infatti, può pregiudicare l’allattamento. Il neonato potrebbe non saziarsi, potrebbe piangere per ore e la mamma, è matematico, inizierà a pensare: “Forse non ho abbastanza latte”.
E si ricorre all’aggiunta di latte artificiale ed il latte materno diminuisce sempre di più perchè il bambino non succhia, non si attacca più al seno. Poi, pian piano, il latte materno viene sostituito del tutto dal biberon.

Allattamento a richiesta: i vantaggi

Ovviamente ogni esperienza è a sè, ogni mamma può raccontare una storia diversa ma, per il momento, ci preme sottolineare che quando un bambino si attacca al seno non succhia solo il latte.
Un neonato che poppa al seno della mamma, oltre a mangiare, prende tutti gli anticorpi della mamma. Il neonato che si alimenta esclusivamente con latte materno assume vitamine, sali minerali. Cosa non trascurabile: il neonato attaccato al seno è sereno. Il bimbo, infatti, sente il contatto con la madre, si consola. Innegabili, poi, i vantaggi di attaccare al seno il bambino quando è in preda alle coliche gassose. L’effetto calmante e rilassante del seno materno è positivo per il bambino.

Allattamento a orario: gli svantaggi

Nei suoi primi giorni di vita è davvero difficile comprendere tutti i bisogni del neonato. Piange: avrà sete? Avrà caldo o freddo? Oppure avrà fame? E’ sufficiente pensare a questo per capire che l’allattamento a orario potrebbe non funzionare. Come si fa a capire quali sono i bisogni reali del neonato? Fissando dei paletti, degli orari, degli scaglioni temporali si finisce inevitabilmente con l’ignorare un dei bisogni del bambino. E se il neonato piange perchè ha fame e noi lo facciamo aspettare inutilmente?
Se quando il bambino piange la mamma lo attacca al seno, lascerà fare alla natura: se il neonato ha fame mangerà fino a saziarsi ma se non ha fame smetterà di succhiare.

Allattamento a richiesta o a orario: seguite il vostro istinto

La conclusione non può che essere una: seguite il vostro istinto di mamme. Guardate il vostro bambino, coccolatelo, attaccatelo al seno ogni volta che il neonato mostra segnali di irrequietezza e, almeno quando allattate, dimenticatevi dell’orologio!

Allattamento a richiesta o a orario: vantaggi e svantaggi was last modified: Agosto 29th, 2015 by Enrica De Tata
Posted by Enrica De Tata

Leave A Response